Crea sito

Per sempre la mia ragazza Recensione

Chi ama i libri di Nicholas Sparks sicuramente apprezzerà il film “Per sempre la mia ragazza” di Bethany Ashton Wolf, ispirato al romanzo di Heidi McLaughlin.

Per sempre la mia ragazza

Il film racconta la storia di Liam Page, una superstar di Saint Augustine, Louisiana, oscenamente viziata (Alex Roe) che ha lasciato la sua fidanzata del liceo Josie (Jessica Rothe) all’altare per fuggire alle sue responsabilità e rincorrere il successo.

Tuttavia dopo quasi otto anni, Liam non ha dimenticato Josie, continuando ad ascoltare il suo ultimo messaggio, nel suo vecchio e malconcio telefono, ogni giorno dopo averla lasciata. Il dolore per la perdita di vari cari e il senso di colpa per scelte sbagliate passate e presenti guidano le azioni dei protagonisti molto più di qualsiasi senso di passione riaccesa.

Tutto ciò porta Liam a ritornare nella sua città natale e riaffrontare Josie. Mentre guarda i notiziari locali dopo un concerto a New Orleans, Liam scopre che il suo migliore amico del liceo, che è afroamericano e consigliere comunale, è morto in un incidente. Il suo desiderio di partecipare al memoriale del suo amico defunto potrebbe essere sincero, ma sembra più una scusa per prendersi una pausa dalle pressioni della fama. Liam è anche troppo timido per partecipare veramente al funerale, presieduto dal padre pastore che inizialmente non è contento di rivedere il suo figliol prodigo.

Liam dopo aver incontrato nuovamente Josie, e aver scoperto di essere padre, cerca di riconquistare lentamente la sua fidanzata. Ma allo stesso tempo cerca di recuperare il tempo perduto con la sua precoce figlia di sette anni (Abby Ryder Fortson), Billie. Liam è elettrizzato dal vedere che Billie ha persino ereditato il suo talento per la chitarra.

Con il tempo i due protagonisti si riavvicinano, e Liam farà capire a Josie di aver messo la testa a posto, di non essere più il ragazzo scapestrato che l’ha lasciata all’altare, e di essere pronto a fare il padre.

Una trama molto romantica, che farà scendere qualche lacrima alle persone più sensibili. Il film è molto diverso dal libro da cui è tratto “Forever My Girl“. Infatti Liam non è un rocker cattivo come nel libro e Josie nel film è bionda invece che bruna. Billie inoltre, che nel film è una bambina prodigio di sette anni, nel libro è un bambino di dieci anni.
Tuttavia, nonostante le diversità, “Per sempre la mia ragazza”, a mio parere, è un film country molto riuscito, ricco di sentimenti, che farà trascorrere un ora e 40 minuti di spensieratezza.

Il mio voto è: ⭐⭐⭐⭐⭐