Crea sito

Fate: The Winx Saga Recensione

Winx Club, il fumetto italiano di lunga data incentrato su un gruppo di fate migliori amiche, è uno dei pochi spettacoli espressamente incentrati sulle ragazze a fare il salto di qualità nel live action, attraverso una serie prodotta dal creatore di Vampire Diaries Brian Young.

fate

Fate: The Winx Saga segue la fata del fuoco Bloom (Abigail Cowen) mentre si iscrive alla scuola per fate di Alfea, un collegio magico che addestra fate in età scolare in tutto l’Altromondo. Le fate vivono in un regno separato dagli umani; le fate hanno poteri differenti che di solito riguardano un elemento naturale o attingono alle capacità psichiche come percepire le emozioni degli altri. Bloom ha passato tutta la sua vita a pensare di essere umana, finché un tragico incidente non ha rivelato il suo potere: il fuoco.

A scuola, incontra altre quattro ragazze: la principessa del sole e della luna Stella (Hannah van der Westhuysen), l’atletica fata dell’acqua Aisha (Precious Mustapha), la fata della mente Musa (Elisha Applebaum) e la coraggiosa fata della terra denominata Terra (Eliot Salt). Bloom vuole saperne di più sul suo passato e sui suoi poteri, ma più si addentra nella verità più oscuri segreti scoprirà.

A differenza della serie animata dai colori vivaci, il nuovo spettacolo ha un approccio visivo più radicato, ma non riesce a definire un proprio aspetto distinto. I personaggi sono più maturi e spigolosi delle loro controparti animate. Fate: The Winx Saga è una serie tv adatta agli adulti e il carattere dei personaggi è nettamente differente rispetto alle loro controparti animate.

Nella versione live-action di Netflix, Flora non esiste: ora è Terra, una dolce ma goffa fata della terra. Terra aggiunge un po’ di diversità corporea al cast altrimenti sottile, ma il suo ruolo sarebbe più significativo se non fosse il bersaglio di ogni dannato scherzo. Gran parte della sua storia ruota attorno al suo essere una ragazza goffa e solitaria, il che avrebbe potuto essere un elemento aggiunto se il resto del cast le avesse teso una mano. Invece, le altre ragazze ridono delle sue lunghe divagazioni e la vedono costantemente come una fonte di fastidio.

L’atteggiamento generalmente antagonista tra le ragazze segna il contrasto più profondo con il cartone animato. In Fate: The Winx Saga, l’amicizia sembra obbligatoria. Ci sono scene commoventi occasionali, come le ragazze che si uniscono a Bloom per mangiare fuori dalla mensa quando non vuole affrontare gli studenti spettegolanti. Ma anche in quelle scene, sembra che i protagonisti si tollerino a malapena. Poiché sono state gettate così poche basi per cementare le loro amicizie, le prese in giro non vengono fuori come scherzi, ma piuttosto come dispetti. Un triangolo amoroso tra Stella, Bloom e Sky (Freddie Throp) armato di spada, uno studente della scuola vicina, non fa che peggiorare le cose. Quando si salvano a vicenda, non è perché a loro importa, è un obbligo: “Uffa, probabilmente non dovrei lasciare che il mio compagno di stanza venga ucciso”.

Ma mentre i personaggi e le loro relazioni soffrono, Fate: The Winx Saga crea una trama avvincente e ricca di sfumature.

La costruzione del mondo è entusiasmante e offre una svolta sul mondo delle fate e degli specialisti armati di spada della serie animata (un modo stravagante per dire cavalieri, in pratica).

La scuola di magia è un’impostazione di storia collaudata e usare le classi delle fate per spiegare come funziona la magia del loro mondo è efficiente e intrigante.

Una volta che la trama inizia, antiche creature oscure conosciute come i Bruciati sono riemerse, decenni dopo che presumibilmente si erano estinte. Ma con il passare del tempo, gli anziani hanno protetto le giovani generazioni dalla verità. I personaggi più giovani sanno poco dell’oscuro passato del loro mondo, ma più scoprono, più dubitano dei loro professori e mentori.
La trama si concentra sulle cicatrici lasciate dalla guerra attraverso le generazioni, aggiungendo strati alle motivazioni di ogni personaggio. Alla fine della prima stagione, i personaggi più giovani si chiedono se gli eroi di cui si fidavano abbiano fatto la cosa giusta, se le figure malvagie avessero ragione e cosa significhi per il loro percorso in futuro.

Ma quell’arco sarebbe più avvincente se i personaggi fossero simpatici o interessanti, o se condividessero anche la metà dei legami delle loro controparti animate. Tuttavia, il male che le ragazze affrontano crea una storia ricca di sfumature in cui i personaggi potrebbero crescere, se lo spettacolo continuasse.

Voto finale:  ⭐⭐⭐⭐